Debora Villa per la prima di Risollevante Cabaret Teatro 2017

Debora VillaPer il quinto anno consecutivo anche questo inverno sarà riscaldato dal calore e dal buonumore che porterà il “Risollevante Cabaret Teatro”, rassegna comica di quattro appuntamenti organizzata dal’associazione culturale Sirio, il cui Presidente è Giovanni Tagliente, patron del Festival del Cabaret di Martina Franca, con la collaborazione dell’associazione culturale Echo Events, diretta da Donato Sasso.
Venerdì 27 gennaio al teatro Forma di Bari, location che ospiterà l’intero cartellone, si esibirà la cabarettista Debora Villa, nota per le sue esperienze lavorative come monologhista a Zelig, conduttrice del morning show radiofonico “Si salvi chi può” per RMC e conduttrice di “Lilit, in un mondo migliore” su rai 3, che proporrà lo spettacolo “Quello che le donne”.

“Si tratta di un monologo comico – ha affermato Debora Villa – durante il quale parlerò di tutte le sfighe possibili e immaginabili, nel quale cercherò di coinvolgere il pubblico. Questo è un aspetto che apprezzo molto del mio lavoro, è un’onda di energia magnetica”.
Innamorata del mondo dello spettacolo ha studiato presso la scuola di teatro di “Quelli di Grock” e successivamente, ha partecipato al laboratorio per attori tenuto da Raul Manso. Ha integrato queste sue esperienze allo studio sul corpo seguendo seminari di mimo-danza con gli esperti Hal Yamanouchi e Marcel Marceau. Questo suo impegno l’ha condotta a debuttare in poco tempo in televisione con il programma “Scatafascio”. A questo sono seguiti prima “Ciro” e poi “Zelig”. Nel percorso artistico di Debora c’è anche molto teatro. “Due poverette a confronto”, “Anche alle balene piacciono le carezze” regia di Daniele Formica e “Questa sera si recita Moliere” di e con Paolo Rossi, sono alcuni dei lavori da lei portati in scena. Attrice a tutto tondo, ha svolto anche ruoli non comici. Tra questi Renza nel film di Richi Tognazzi “Tutta colpa della musica” e la signora Conforti nella fiction tv “Benvenuti a tavola” in onda su Canale 5. Nel 2010 ha anche pubblicato, con Mondadori, il suo primo libro “Amo un bastardo ma non è il mio cane”.
“Mi sono avvicinata allo spettacolo per necessità. È un impulso, non puoi deciderlo. Ti capita e basta. Per quanto riguarda il mio percorso comico credo che sia stata fondamentale la mia gavetta. Mentre in teatro le prove si fanno nel riserbo più totale. Il cabarettista costruisce il suo pezzo insieme e grazie al pubblico”.
Sul palco del teatro Forma Debora Villa renderà edotti i casi disperati del sentimento riguardo temi eterni quali la coppia, la condizione di single maschile e femminile, le modalità di autostima e non da ultimo, sensualità, erotismo, sesso sfrenato e contraccezione.